Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK

CONFORT ABITATIVO

LO SPECIALISTA DEL RISPARMIO ENERGETICO

Il comfort abitativo può essere definito come una sensazione soggettiva percepita, che indica il livello di benessere fornito da un determinato ambiente ai soggetti che lo abitano.

Un adeguato livello di comfort è raggiungibile attraverso la giusta combinazione di fattori come: temperatura, umidità, salubrità e velocità dell'aria, isolamento acustico ed illuminazione.

Studi condotti in scuole ed uffici, hanno dimostrato che in presenza di valori di temperatura e umidità inadeguati, vi è un notevole calo di attenzione e rendimento; inoltre, in edifici residenziali con carenti condizioni di comfort abitativo, il rischio di malattie polmonari, soprattutto nei bambini, è molto più elevato rispetto ad edifici dove questo comfort è adeguato. Trattandosi di un fattore soggettivo non è possibile dare una regola che valga per ogni individuo; tuttavia possiamo affermare che generalmente, si ha un adeguato livello di benessere termo-igrometrico in ambienti dove la temperatura è compresa tra i 18° ed i 24° C e l'umidità relativa tra il 40 ed il 70%.

Il controllo dei fattori che vanno a comporre un comfort ottimale passa innanzitutto attraverso l'involucro edilizio, esso infatti dovrà disporre di precise caratteristiche quali forma, esposizione, coibentazione e assenza di ponti termici. Caratteristiche queste uniche per ogni abitazione in funzione anche della collocazione geografica, infatti una casa con un ottima protezione dal freddo invernale, grazie all'adozione di isolanti leggeri, può rivelarsi molto carente come protezione dal caldo estivo, dove isolanti ad alta densità come la fibra di legno garantirebbero un adeguato sfasamento termico, ovvero il tempo che serve all'onda termica per fluire dall'esterno verso l'interno attraverso un materiale edile. Possiamo quindi dire che un adeguato involucro edilizio deve rendere le condizioni interne il più possibile indipendenti da quelle esterne.

Una volta completato l'involucro, il compito di creare e mantenere il comfort passa agli impianti tecnologici contenuti al suo interno; maggiore sarà l'efficienza dell'involucro minore sarà l'apporto degli impianti, inoltre, il basso fabbisogno di energia fa sì che questa possa essere prodotta da fonti rinnovabili ad un costo molto basso sia in termini economici che ecologici.

Certificazione IQNet Certificazione Rina