Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK

RISPARMIO ENERGETICO / Sistemi radianti

LO SPECIALISTA DEL RISPARMIO ENERGETICO

La trasmissione del calore può avvenire naturalmente (senza contributi esterni di energia) o forzatamente (grazie ad un contributo esterno di energia).

Le forme con le quali si trasmette il calore sono sostanzialmente tre:

La conduzione

È la trasmissione di calore da un corpo ad un altro senza spostamento delle sue molecole. Ad esempio un'asta metallica riscaldata ad un'estremità da una fiamma. L'energia termica si trasmette per contatto da molecola a molecola dall'estremità a più alta temperatura verso quella più fredda.

La convezione

È la trasmissione di calore con spostamento delle molecole. Se un corpo caldo (es. un radiatore) riscalda l'aria, questa diventa sempre più leggera e sale verso l'alto. Questo movimento richiama altra aria verso il corpo caldo e così via.

L'irraggiamento

È la trasmissione di calore senza contatto diretto dei corpi. In questo caso si trasmette calore mediante onde o radiazioni, nello stesso modo in cui si propaga la luce. Il passaggio avviene da un corpo a temperatura maggiore, che irradia energia, ad uno a temperatura minore, fino al raggiungimento della medesima temperatura.
Già molti anni prima della nascita di Cristo, cinesi, egiziani e romani utilizzavano il riscaldamento a pavimento nelle loro abitazioni e nei locali pubblici. La tecnica era molto semplice: si costruivano focolari interrati e si facevano passare i fumi in condotti ricavati sotto i pavimenti. Quelli che stiamo vivendo sono probabilmente gli anni della definitiva affermazione degli impianti radianti.

Quali possono essere i benefici di un impianto radiante?

Benessere termico

Definito tramite una curva ideale temperature/altezza del benessere termico: Tale curva ci dice che per avere condizioni termiche ideali si deve mantenere un po' più calda l'aria a pavimento e un po' più fredda quella a soffitto. Si nota che gli impianti a pannelli radianti, tra i tre, sono quelli più idonei ad offrire simili condizioni per due motivi: - la specifica posizione dei pannelli consente di mantenere l'aria più calda in prossimità del pavimento - il fatto che il calore viene ceduto soprattutto per irraggiamento, evitando così il formarsi di correnti d'aria calda a soffitto e fredda a pavimento.



Risparmio energetico

Rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali, gli impianti radianti (a pari sensazione di caldo) consentono di mantenere l'aria ambiente ad una temperatura più bassa di circa 1-2 °C.
Inoltre dato il loro funzionamento a bassa temperatura, consentono di ottenere elevati rendimenti quando si utilizzano pannelli solari, pompe di calore e caldaie a condensazione.

La qualità dell'aria

Il riscaldamento a pannelli radianti è in grado di evitare due inconvenienti tipici degli impianti a corpi scaldanti:
- la combustione del pulviscolo atmosferico; che può causare senso di arsura e irritazione alla gola
- l'elevata circolazione di polvere, che può essere causa di allergie e di difficoltà respiratorie

Impatto ambientale

Nelle costruzioni nuove e negli interventi di recupero con rifacimento dei pavimenti, gli impianti a pannelli radianti hanno un minor impatto ambientale perché:
- non pongono vincoli di natura estetica
- non limitano la libertà di arredo
- non contribuiscono al degrado degli intonaci, pavimenti in legno e serramenti in quanto:
1. non sporcano le pareti di nerofumo
2. non consentono il formarsi di umidità a pavimento
3. limitano sensibilmente i casi di condensa interna

Oltre all'ormai "classico" impianto radiante a pavimento, da alcuni anni hanno cominciato a prendere piede altri sistemi radianti, ovvero a parete ed a soffitto. La caratteristica principale di queste due tipologie di sistemi radianti rispetto al tradizionale impianto a pavimento è la minore inerzia termica; infatti le pareti ed i soffitti radianti sono composti da serpentine di tubi annegati direttamente nell'intonaco, contrariamente al pavimento radiante dove le serpentine sono ricoperte da un massetto cementizio di circa 5 cm di spessore.
La ridotta inerzia termica di questi sistemi li rende inoltre particolarmente performanti per il raffrescamento estivo oltre che per il riscaldamento invernale.
Ulteriore vantaggio, da non sottovalutare, è che nelle costruzioni già esistenti l'installazione può essere fatta con ridotti costi di ristrutturazione solo ribassando di poco il soffitto e senza rompere né muri né pavimenti.

Le tecnologie nel dettaglio:

In questa sezione vi presentiamo le varie tecnologie e gli strumenti per il risparmio energetico.

Certificazione IQNet Certificazione Rina